Hanno detto di noi: Il Piccolo di Trieste

26/11/1999 – “IL PICCOLO DI TRIESTE”
di Alberto Rochira

ARTEGNA – E bravi I Papu, al secolo Andrea Appi e Ramiro Besa, che hanno saputo ancora una volta tradurre in risata l’osservazione ironica di piccole e grandi debolezze umane fotografate nella loro nuda, e a volte amara, quotidianità. Commedia articolata in sketch d’irresistibile comicità tratti, appunto, dalla vita di ogni giorno, lo spettacolo “Incompresi nel prezzo”, presentato dal duo friulano in prima nazionale al Teatro Nuovo di Artegna giovedì 25 novembre, ha conquistato il pubblico con la forza dell’immediatezza. Una marcia in più, questa, che nulla ha da spartire con la spontaneità dilettantesca o l’improvvisazione. Al contrario, Appi e Besa, da poco approdati ai fasti televisivi di “mamma” Rai, hanno esibito talento da consumati professionisti. Tutto esaurito nel teatro della cittadina collinare, dove il debutto dello spettacolo è stato accolto con autentico entusiasmo e calorosi applausi. Ramiro e Andrea, in ottima forma e particolarmente concentrati, non hanno deluso le aspettative, producendosi al meglio di una serie di quadretti giocati su un divertente sfondo scenografico di stanze-scatole formate di volta in volta da coloratissimi pannelli dipinti da Mauro Zavagno. Intervallando le scenette con esilaranti “pause” di dialogo con la platea e simpatiche gag, i Papu conducono gli spettatori dentro gli ingranaggi comici d’una realtà contemporanea dominata dalle ferree regole del mercato, dove tutto, proprio tutto, sembra avere il cartellino del prezzo. Un vasto campionario d’umanità avida e ingenua, famelica e tenera allo stesso tempo. Lontani da facili moralismi e mai impietosi, Appi e Besa interpretano i personaggi con distaccata ironia e vera partecipazione, da comici di rango. Buono il ritmo dello spettacolo che, diretto da Riccardo Piferi, e scritto dai Papu in collaborazione con Mirco Stefanon e Graziano Gnocchi, è stato brillantemente musicato da Paolo Piuzzi. I prossimi appuntamenti con Appi e Besa sono fissati per il 10 dicembre al Teatro “Ristori” di Cividale e per il 18 all’Auditorium “Marin” di Grado.