Hanno detto di noi: Il Gazzettino

15/05/2000 – “IL GAZZETTINO”
di A.M.

PORDENONE – Serata all’insegna della risata quella di giovedì scorso. Per gli incontri con gli autori, la sala Grande di Cinemazero, gremita all’inverosimile, ha ospitato i celebri comici pordenonesi Andrea Appi e Ramiro Besa, in arte I Papu. I due irrefrenabili animali da palcoscenico hanno presentato, a modo loro, il libro “Son problemi! Problemoni! Tragedie!, edito dalla Biblioteca dell’Immagine. Curato da Carla Manzon, che è salita sul palco assieme ai due autori, questo libro è nato da un incontro fortuito al Caffè Municipio tra la Manzon stessa e Giovanni Santarossa, l’editore della casa editrice Biblioteca dell’Immagine, “una bella casa!” secondo Ramiro. Dopo aver vinto la loro modestia attraverso un martellamento asfissiante, Carla Manzon è riuscita a convincere i Papu a raccogliere il materiale della loro ormai decennale vita artistica per organizzarla in un vero e proprio libro di cabaret. “Andrea e Ramiro -ha spiegato Carla Manzon- mi hanno consegnato una montagna di dischetti e di quaderni scritti alla rinfusa, contenenti infinite gag risalenti anche ai tempi dei loro inizi. Si trattava di articolare tutte quelle meravigliose pagine deliranti e scarabocchiate che hanno dato vita agli spettacoli dei Papu; così abbiamo deciso di creare, attraverso questo libro, una sorta di storia del duo attraverso le varie gag”. L’intento del libro è quello di illustrare lo sforzo creativo che si nasconde dietro ogni spettacolo apparentemente goliardico, e il lavoro di organizzazione di quella che solo all’inizio era arte dell’improvvisazione, ma che in seguito è divenuta autentica arte della comicità dei Papu. Nati come realtà locale, nonostante la loro specificità, i personaggi hanno acquisito con il tempo una completezza tale da poter essere apprezzati in tutta Italia. Gli incontri con Riccardo Piferi, scrittore dei testi di Paolo Rossi, e con altri professionisti della comicità sono serviti loro ad affinare la tecnica, e soprattutto a prendere coscienza delle regole della comicità, “che finchè non ci hanno spigato che esistevano -ha confessato Andrea- noi non ci rendevamo neanche conto di usare!” Libro alla mano, i due Papu hanno ricostruito la storia della loro carriera dalle origini ad oggi. Dalla nascita della loro amicizia, risalente ai tempi della scuola, alla creazione degli spassosissimi personaggi teatrali, i Papu hanno estratto alcune perle contenute nel loro libro; i due hanno interpretato il romantico giornalista scozzese e il gondoliere veneziano che rema tutti i giorni tra le “pantegane” che nuotano a stile libero, le due agne chiacchierone dal salumiere, il geometra ignorante accompagnato dal fido assistente e, immancabili, Sante e Nani. Si è passsati a visionare l’esperienza a Telefriuli, per arrivare fino alla Rai regionale. Tra i numerosi progetti futuri i Papu hanno in programma un film che inizieranno a girare a luglio, per il quale, con un sorriso malizioso, hanno invitato tutte le donne presenti in sala “anche quelle non bellissime” a presentarsi ai provini diretti da loro stessi.